Karen Carpenter, Whitney e le altre: i danni della discografia

Tutti conoscono Whitney Houston e la sua triste parabola, ma il numero diminuisce considerevolmente quando si parla di Karen Carpenter: eppure entrambe queste star sono unite da delle inquietanti analogie, dai disturbi alimentari a una morte precoce in circostanze ancora da chiarire completamente.

In più, per semplificare, si può dire che la carriera di entrambe è stata caratterizzata da una serie di obblighi. Contrattuali, certo, ma anche legate a costrizioni familiari: nel caso di Whitney, c’era da mantenere una famiglia di origine numerosa e che si era abituata a uno stile di vita abbiente; nel caso di Karen, il fratello e la madre la spingevano a esibizioni continue, che hanno aggravato uno stato di salute già precario.

Da Nina Simone a Selena Gomez

Se di Karen Carpenter si conosce poco al di fuori del mondo degli appassionati che conoscono la discografia dei suoi Carpenters con tutte le vicende personali legate a quelle uscite, sono molto discusse altre crisi personali di grandi star che tutti conosciamo. Non c’è solo Whitney.

Per una Adele che si è saputa prendere le sue pause per dare la priorità alla salute fisica c’è un Amy Winehouse che soccombe alle pressioni della celebrità. Più recentemente, i passaggi in clinica di Selena Gomez o Demi Lovato sono stati assai documentati dai paparazzi, e forse si deve proprio a loro una maggiore attenzione non solo nei confronti di questi personaggi, ma anche per i loro momenti di crisi, che a loro volta hanno illuminato sulla mancanza di umanità di un’industria dell’intrattenimento troppo determinata a spremere le proprie star prima che passino di moda.

Un modello da ripensare

Oggi applaudiamo Nina Simone come una delle immortali del mondo della musica, ma quando la sua carriera veniva gestita dal marito la divina pianista fu truffata a più riprese e visse per anni abbandonata da tutti, ridotta sul lastrico e in uno stato mentale più che precario dall’impossibilità di riprendere il controllo della propria vita artistica.

È una storia che abbiamo sentito raccontare tante volte negli ultimi decenni, e per la quale non c’è finale lieto a meno che non siano i fan a illuminare su certe ingiustizie, tramite social media magari. È successo di recente con Britney Spears (della quale parleremo in dettaglio): un cambiamento, insomma, non è (più) impensabile.

By rachele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *